premiazioni 11/12

Coopyright: premiati i migliori progetti della quinta edizione
Nuove tecnologie I-TECH, sostenibilità ambientale e servizi alla persona i temi al centro degli elaborati dei giovani “virtuali” cooperatori

Si è tenuta lunedì 21 maggio alla mattina, presso la Sala Topazio della Camera di Commercio di Bologna, la premiazione della quinta edizione di Coopyright – Inventa una cooperativa, il concorso di idee promosso da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna, grazie al contributo della Fondazione del Monte e della Camera di Commercio.

Sei gli istituti delle classi in gara: Liceo Classico Galvani, Istituto Professionale Malpighi – S. Giovanni in Persiceto, Istituto Turistico-Aziendale Manfredi Tanari, ITCS Rosa Luxemburg, ITCS Salvemini – Casalecchio, Liceo Laura Bassi. Gli studenti, come in ogni edizione, sono stati seguiti dagli esperti messi a disposizione da Legacoop e Confcooperative Bologna e da numerose cooperative che hanno aderito all’iniziativa: Emil Banca, Consorzio Solco Insieme, Cadiai, Coop Adriatica, Coop Costruzioni, Granarolo, Kitchencoop, Manutencoop, La Rupe, Saca, Tecnicoop.

«Coopyright, anno dopo anno, si conferma un’iniziativa formativa che vuole offrire ai più giovani un modello di cooperazione ‘applicata’ – commenta Gianpiero Calzolari, Presidente Legacoop Bologna. Elementi storici ed economici, uniti a una più ampia riflessione – teorica e pratica – sulla cultura imprenditoriale cooperativa, sono i fattori distintivi di questo concorso, che – specialmente alla luce dell’attuale situazione economica – evidenziano come il sistema cooperativo sia un modello vincente e fortemente orientato al futuro».

«Questo appuntamento annuale – afferma Lanfranco Massari, Presidente di Federcultura/Confcooperative – è un fondamentale esempio di diffusione della cultura dell’autoimprenditorialità costruita su elementi solidi quali partecipazione, mutualità e solidarietà, i valori fondanti della cooperazione. Coopyright è un “contenitore” di stimoli, idee, progettualità, che trovano espressione nelle più varie forme imprenditoriali nate dalla fantasia degli studenti e “indirizzate” dalle cooperative tutor: un connubio perfetto per pensare al domani partendo da solide e forti radici».

Tutti gli istituti partecipanti hanno realizzato progetti per la sezione COOPYRIGHT IMPRESA che premia la miglior idea di impresa cooperativa, in termini di originalità e fattibilità.

I promotori di Coopyright hanno messo a disposizione per le scuole un montepremi complessivo di 8.500 euro spendibili dalla classi per finalità didattiche collettive. La commissione di valutazione ha assegnato a ciascuna delle sei classi partecipanti un premio di partecipazione di 1.000 euro per aver consegnato i progetti nei tempi e nei modi corrispondenti ai criteri contenuti nell’apposito Regolamento.
Sono stati attribuiti poi tre ulteriori premi: un premio di 1.000 euro per l’idea imprenditoriale più innovativa alla classe 4 BI dell’ITCS R.Luxemburg con la cooperativa Touch&Study di noleggio e vendita di e-book per le scuole, un premio di 1.000 euro per l’idea imprenditoriale con maggior ricadute sociali sul territorio alla classe 2F del Liceo Classico L.Galvani con la Cooperativa “Okoop” di vendita on-line e consegna a domicilio di prodotti alimentari a Km zero, infine una menzione di 500,00 alla classe 4 CE dell’ITCS Salvemini di Casalecchio per lo spirito di iniziativa e di impegno dimostrato nel progetto ShopAway.

Infine, i lavori della classe 4 C del Liceo Laura Bassi e della classe 2F del Liceo Galvani sono stati segnalati alla Rete Regionale Bellacoopia, il network di promosso da Legacoop Emilia-Romagna, che assegnerà ulteriori premi fra i lavori che più si saranno distinti nei diversi concorsi provinciali per le migliori caratteristiche di sostenibilità e/o responsabilità sociale.

I commenti sono chiusi.