lancio 11/12

Coopyright. La cooperazione è scuola
Al via la quinta edizione del concorso di idee promosso da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna

 

Si è svolta il 26 ottobre 2011 mattina  la presentazione della quinta edizione di Coopyright – Inventa una cooperativa, il concorso di idee promosso da Legacoop Bologna e Confcooperative Bologna, con la collaborazione del Centro Italiano di Documentazione sulla Cooperazione e l’Economia sociale e di Irecoop-Istituto regionale di formazione cooperativa Emilia Romagna,  rivolto agli studenti delle scuole medie superiori della provincia di Bologna.

L’iniziativa, realizzata grazie al contributo della Fondazione del Monte e della Camera di Commercio, si prefigge l’obiettivo di avvicinare la scuola al mondo della cooperazione, facendo conoscere ai più giovani la storia, i principi e gli strumenti della cultura cooperativa, e sfidandoli a inventare una cooperativa innovativa, con tanto di business plan e campagna di lancio, o a raccontare in un progetto di ricerca le connessioni tra passato e presente della cooperazione.

Il concorso, anche quest’anno, si articola in due distinte sezioni – ciascuna con premio finale – pensate proprio per favorire la partecipazione sia di istituti a maggior valenza tecnica e professionale sia di licei a vocazione umanistica e pedagogica: COOPYRIGHT IMPRESA, per la miglior idea di impresa cooperativa e COOPYRIGHT RICERCA, per la miglior ricerca storico-sociale realizzata da una classe.

«Coopyright – sottolinea Ethel Frasinetti, Direttore Generale Legacoop Bologna – è pronta a riconfermare, per il quinto anno consecutivo, il successo di un’iniziativa volta a tramandare ai più giovani il mondo della cooperazione bolognese, interpretandolo, grazie al loro contributo, con nuove chiavi di lettura. Il concorso si propone come modello di cooperazione ‘applicata’, che vuole offrire agli studenti la conoscenza della cooperazione non solo come dato storico ed economico, ma anche come cultura imprenditoriale, sperimentando quei principi di mutualità e solidarietà distintivi del nostro territorio e radicati nel nostro quotidiano».

«Anche Confcooperative crede fortemente nella centralità dell’educazione cooperativa – afferma il presidente di Federcultura-Confcooperative Lanfranco Massari. In questa cornice, Coopyright è un’importante occasione di passaggio di conoscenze e di condivisione costruttiva di stimoli e iniziative che rappresenta al meglio lo spirito cooperativo e la sua attenzione alla continuità temporale, valoriale e fattiva».

Queste le sei classi in gara: Liceo Classico Galvani, Istituto Professionale Malpighi – S. Giovanni in Persiceto, Istituto Turistico-Aziendale Manfredi Tanari, ITCS Rosa Luxemburg, ITCS Salvemini – Casalecchio, Liceo Laura Bassi.

Anche l’edizione 2011-2012 vedrà la presenza di “cooperative tutor”, aderenti a Legacoop Bologna e a Confcooperative Bologna, che seguiranno le classi durante l’intero anno scolastico. Emil Banca, Consorzio Solco Insieme, Cadiai, Coop Adriatica, Coop Costruzioni, Granarolo, Kitchencoop, Manutencoop, La Rupe, Saca, Tecnicoop, queste le imprese cooperative che metteranno a disposizione degli studenti strutture, personale e tempo per la realizzazione dei progetti in gara.

I progetti rispondenti ai criteri di completezza, fattibilità e originalità dell’idea avranno diritto a un premio di 1.000 euro al quale si aggiungeranno, per la categoria COOPYRIGHT IMPRESA, un premio di 1.000 euro per l’idea imprenditoriale più innovativa e un premio di 500 euro per l’idea imprenditoriale con maggiore ricaduta sociale per il territorio. Per la sezione COOPYRIGHT RICERCA verrà attribuito un premio  di 1.000 euro alla ricerca che lega maggiormente storia e attualità della cooperazione. I migliori progetti in termini di sostenibilità e responsabilità sociale potranno concorrere ad ulteriori premi a livello regionale  promossi dalla rete regionale Bellacoopia.

I commenti sono chiusi.