valutazione Università

Al termine del progetto Coopyright junior Scopri la cooperazione #School of Coop edizione 2016/2017, per la prima volta, è stata effettuata una valutazione pedagogica e di qualità sull’attuazione e sui risultati ottenuti dall’iniziativa. Tale valutazione è stata attuata attraverso la somministrazione di due questionari, uno pensato per gli studenti ed un altro per gli insegnanti, da parte del Dott. Stefano Passini, ricercatore della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna.

Il questionario rivolto agli studenti è stato pensato e strutturato in modo da far emergere:  
– una valutazione del progetto e del piano organizzativo/gestionale;  
– le modalità di realizzazione del progetto adottate dagli studenti;  
– il clima e l’organizzazione degli studenti all’interno di ciascuna classe;  
– le competenze acquisite.  

Inoltre si sono anche aggiunti alcuni item relativi al clima di gruppo percepito dagli studenti relativo a vari aspetti. Nello specifico le dimensioni e gli item che le identificavano sono:  Visione,  sicurezza partecipativa, Orientamento alle attività, Sostegno all’innovazione.

Il questionario distribuito ai docenti coinvolti era volto a cogliere il loro punto di vista sulla strutturazione del progetto, della sua ricaduta sulla didattica e soprattutto sulle modalità di “lavoro” degli studenti.

I questionari totali, relativi a  tutte le quattro scuole medie  che hanno partecipato all’edizione 2016-2017, hanno riguardato 34 studenti con una distribuzione rispetto al genere prevalentemente maschile (26,5% femmine, 73,5% maschi) e con un’età media pari a 13 anni. Per quel che riguarda l’analisi dei dati del questionario, i risultati  evidenziano come ci sia stata una ottima comprensione degli obiettivi in fase di partenza,  l’attività  laboratoriale  e  gli  incontri seminariali  in  classe sono stati i momenti  più apprezzati dagli studenti; la maggior parte degli studenti ha percepito dei problemi soprattutto legati a una certa difficoltà  nell’organizzarsi  tra  loro . Per  quel  che  riguarda  invece  la  percezione  dei  benefici  che  sono  derivati  dalla  partecipazione  al
progetto, la maggior parte dei partecipanti indica un miglioramento a livello di collaborazione tra i membri della classe, il rafforzamento della fiducia reciproca e la valorizzazione del punto di vista di tutti i partecipanti . La maggior parte degli
studenti ha quindi osservato una grande partecipazione di tutti per quel che riguardava il processo di presa di decisione. Per quel  che  riguarda  i  benefici  acquisiti  lavorando  sul  campo,  la  maggior  parte  degli  studenti  ha dichiarato che la partecipazione a Coopyright  junior  gli  ha  permesso di stimolare la propria creatività e di stabilire un raccordo più diretto tra formazione in aula ed esperienza pratica e di comprendere  l’importanza  della  collaborazione  tra professionalità differenti.
Nel  complesso  l’esperienza  conclusa  è  stata  valutata  positivamente dagli studenti in  quanto  ha  permesso  di  fare un’esperienza  nuova e di stimolare la propria  creatività  e  di  stabilire un raccordo più diretto tra formazione in aula ed esperienza pratica mentre  nessuno  dei  partecipanti  ha  risposto  che l’esperienza non ha corrisposto alle proprie aspettative e interessi.

I questionari relativi  ai  docenti  hanno visto la partecipazione di  tutti e  quattro i  docenti delle classi coinvolte  nel  progetto  Coopyright  junior.  Dall’analisi dei risultati dei  questionari  conclusivi  emerge  un consenso totalmente positivo rispetto all’iniziativa proposta. Tutti e quattro gli insegnanti ritengono infatti che le attività abbiano pienamente risposto alle loro aspettative iniziali, senza essere di ostacolo al normale svolgimento della didattica. Secondo i docenti coinvolti, la partecipazione e le attività condotte all’interno del progetto Coopyright hanno aiutato gli studenti soprattutto ad acquisire maggiore consapevolezza delle politiche e dei linguaggi propri del mondo del lavoro e ad avvicinarsi alla concretezza del mondo del lavoro, rafforzando le relazioni tra gli studenti, permettendo in specifico di migliorare le capacità di comunicazione e interazione tra gli studenti e di acquisire maggiori autonomie e responsabilità 

Rispetto  al  lavoro  di  gruppo,  tutti  i  docenti  ritengono  che  la  partecipazione  a  Coopyright Junior lo  abbia favorito,  facilitando,  in  particolare, la collaborazione tra gli  studenti sulla base di una suddivisione consapevole dei compiti e lo sviluppo di capacità di un monitoraggio dei processi e di condivisione delle procedure da promuovere per il raggiungimento dell’obiettivo lavoro svolto e rafforzando la loro conoscenza del mondo del lavoro.

I  docenti  hanno  dichiarato  auspicabile  la  riproposizione  dell’esperienza  di
Coopyright  nel  prossimo  anno. 

Consulta il DOCUMENTO FINALE – RELAZIONE REPORT 2016-2017 con i dati relativi ad ogni classe presa singolarmente.